“Viva il mare” a Gaeta

Scritto in Varie | 01 maggio 2012

Yacht Med Festival 2012 registra la grande partecipazione alla serata spettacolo sul Molo Santa Maria per “Viva il mare”. Tutto esaurito per uno show che ha entusiasmato le migliaia di presenti a Gaeta. Presentati da Roberta Lanfranchi, si sono alternati sul palco, Ivana Spagna, Lina Sastri, i Kataklò, il giovane Alessandro Creti e soprattutto Roberto Vecchioni.

Grandi successi come Luci a San Siro e Samarcanda hanno accompagnato la canzone vincitrice del Festival di Sanremo 2011 Chiamami Ancora Amore, lasciando in ammirato silenzio le migliaia di persone che hanno affollato ogni spazio disponibile davanti al palco.

Durante lo spettacolo la consegna dei Mediterranean Awards 2012, assegnati a Michele Capasso per la categoria Pace e Dialogo tra le culture e consegnato dal Presidente della Camera di Commercio di Frosinone Florindo Buffardi, Lina Sastri per la categoria Teatro e cultura premiata dal Sindaco di Gaeta Antonio Raimondi, e Roberto Vecchioni per la categoria Parole e Musica che ha ricevuto il premio dalle mani del Presidente Vincenzo Zottola.

I tre premi Editoria Internazionale del Mare assegnati dalla Giuria composta da Folco Quilici, Donatella Bianchi, Giulia d’Angelo e Vincenzo Zottola sono andati invece a Predrag Matvejevic per la carriera, Alberto Cavanna per l’autore e al Gruppo Ugo Mursia per l’editore. Commovente l’omaggio a Lucio Dalla affidato alla voce del vincitore del programma televisivo Ti lascio una canzone, il quattordicenne Alessandro Creti.

Al centro dello spettacolo, organizzato dalla Camera di Commercio di Latina insieme a quella di Frosinone, alla Regione Lazio e a Fiera di Roma, il mare in tutte le sue sfaccettature.

“Anche quest’anno” ha commentato il presidente della Camera di Commercio di Latina Vincenzo Zottola “abbiamo vissuto una grande festa, dedicata a tutti coloro che ci hanno sostenuto in questa quinta edizione dello Yacht Med Festival. Una grande festa di mare e per il mare, di grande qualità ed intensità”.

Salvatore Siviero