Il Pilates funziona davvero!

Scritto in La rubrica di Ernesto | 23 maggio 2012

In tutti i settori, quando nasce un prodotto nuovo, in genere, è la pubblicità a creare la differenza nelle vendite del prodotto stesso; così è anche nel mondo del Fitness. Appena inizia a diffondersi una nuova disciplina, come per esempio, il Pilates, tutte le aziende produttrici dell’attrezzo utilizzato iniziano una campagna promozionale, a volte esagerata e spropositata, per la divulgazione di notizie sui benefici derivanti da quel nuovo attrezzo. Molte volte, però, non si riesce a comprendere la verità! Infatti, televisioni, internet, riviste specializzate e non, divulgano notizie, definendo spesso miracoloso il loro prodotto, cosa non sempre corrispondente al vero.

E così, in palestra, arrivavano e arrivano ancora persone, incuriosite dalla sola pubblicità, che appena entrano, senza nemmeno vedere il centro, ci fanno questa richiesta: “Buongiorno, vorrei fare Pilates”. Quando, poi, la consulente alla reception, inizia a domandare le reali esigenze e gli obiettivi fisici che si attendono dalla pratica del Pilates, molti non sanno nemmeno rispondere… forse, non sanno effettivamente cosa sia il Pilates. Rispondono solo che vogliono fare Pilates, perché qualcuno ha detto che fa bene, (o forse…inconsciamente…e soprattutto a Sorrento…perché “si porta”). Ed allora, ho incrementato la mia voglia di conoscenza di questa disciplina, approfondendola il più possibile, fino a frequentare un corso, proprio perché, prima d’intraprendere una nuova attività, così pubblicizzata, o di acquistare un nuovo attrezzo per i centri che gestisco, cerco sempre di avere le giuste conoscenze, soprattutto sulle novità del Fitness.

Così facendo, abbiamo allestito, al Central Fitness Club di Sorrento, uno Studio Pilates e Personal Trainer, e dopo aver provato l’attrezzo del Reformer e Cadillac su me stesso e su altri, posso dire, che per me, il Pilates è, oggi, l’attività fisica più completa per la percezione, il controllo e la stabilizzazione del proprio corpo, con gli incredibili benefici di allungare, rafforzare e bilanciare il proprio fisico. Ricordiamo, solo un momento, la storia di questa nuova disciplina. Il nome deriva dal suo ideatore, Joseph H. Pilates che visse dal 1880 al 1967. Da ragazzo soffrì di alcune malattie: asma, febbre reumatica, rachitismo, e ideò, su sé stesso, una serie di movimenti precisi, in modo da costruire un corpo sano e forte. Divenne atleta e pugile, e durante la prima guerra mondiale insegnò ai militari i concetti e gli esercizi sviluppati, in oltre 20 anni di studio, da autodidatta di Yoga, Zen e antiche pratiche fisiche greche e romane. Fu allora che cominciò a creare il sistema di esercizi originali, svolti a terra, oggi conosciuto col nome Matwork.

Alcuni anni dopo, fu trasferito in un ospedale militare, dove diventò una sorta d’infermiere, aiutando i numerosi feriti di guerra. Qui cominciò ad ideare attrezzature per riabilitare i suoi “pazienti”, prendendo ed assemblando le molle dei letti, per creare una resistenza elastica e un movimento adatto alle persone con problemi fisici. In un certo senso, l’attrezzatura del Pilates di oggi non è molto diversa da quella originaria. La tensione elastica, le cinghie per trattenere mani e piedi, i supporti per la schiena, collo e spalle sono importanti ora come lo erano allora. Praticato con costanza, il Pilates aumenta la capacità polmonare e la circolazione, aumenta la forza e la flessibilità dei muscoli, la coordinazione dei movimenti, migliora l’equilibrio e la postura. Nelle mie lezioni personalizzate, sto notando, sempre di più, tutti questi benefici, conducendo, i miei clienti, ad un forte legame fra mente e corpo, aumentando la consapevolezza del proprio corpo e migliorando l’autostima. Vi siete mai chiesti, quando avete la consapevolezza del vostro corpo?

Quando sentite il vostro corpo o parte di esso, durante la giornata? Ebbene, lo sentiamo quando questo ci crea dei problemi, per esempio, quando avvertiamo dolore. Il Metodo Pilates, ci aiuta proprio a percepire il nostro corpo o parte di esso indipendentemente da tutto questo; ci aiuta attraverso il rapporto mente-corpo-spirito ad esprimere i sentimenti, le attitudini, la fiducia in noi stessi, riflettendo l’io interiore al mondo…e, come diceva lo stesso Joseph Pilates, per arrivare a tutto questo: “La cosa più importante non è ciò che stai facendo…ma come la stai facendo”.

Non mi resta che invitarvi a provare gratuitamente, nei nostri centri, una lezione di Pilates. Vi aspetto!

Ernesto Lupacchio

(*articolo già pubblicato su 100% Fitness)