Campioni del Mondo 2006: Ernesto e il Central erano lì…

Scritto in La rubrica di Ernesto | 15 aprile 2012

Era il 2006, e il Central Fitness Club viveva il Mondiale in Germania con gli Azzurri di Lippi. Ecco come ce lo raccontava Ernesto Lupacchio, in diretta dalla “Terra dei Panzer”!

Non riesco a trovare le parole per descrivere l’emozione che ho provato nel momento in cui il nostro Capitano alzava al cielo la coppa del mondo. Eppure pensavo che l’Olimpiade di Atene del 2004 rappresentasse per me il massimo … forse mi sbagliavo. Quel sogno iniziato il 9 giugno, con la partenza con il camper azzurro, battezzato dagli stessi giornalisti, “il camper del mondiale” , è diventato realtà. La caccia frenetica al biglietto per la semifinale e la finale è stata un’altra “avventura” che ricorderò a lungo. Infatti, contro la Germania sembrava “missione impossibile”, ma la nostra fantasia (faccia tosta) ha superato ogni limite. Io e Franco, reduci dalla spedizione Central, siamo riusciti ad entrare direttamente negli uffici della FIGC a Dortmund, quasi “pretendendo”due biglietti per “i ragazzi dell’ Italia nel cuore” portafortuna fino a quel momento degli azzurri di Lippi.

Ebbene dopo diverse titubanze da parte del responsabile della biglietteria italiana siamo riusciti nel nostro intento. Abbiamo potuto acquistare due biglietti. Non vi dico la nostra gioia, ripagata dall’urlo liberatorio al goal di Grosso che conserviamo ancora nella nostra mente … chissà per quanto tempo ancora. Dopo aver festeggiato con un …po’… di birra insieme ai nostri amici di Sky, Martina Maestri, Gianluca Vialli, Massimo Mauro, per non parlare del mitico Fabio Caressa che ci ha fatto rivivere, solo a noi, il momento del goal con la sua telecronaca, il nostro unico pensiero era già alla finale…ed inesorabilmente ai biglietti!!! I giorni sono proseguiti intensamente, da Duisburg, sede della Nazionale e di Casa Azzurri, a Berlino. Ma dei biglietti nemmeno l’ombra, l’ansia cresceva, gli italiani senza biglietto aumentavano con l’aumentare dei prezzi dei bagarini (chiaramente napoletani), da 1000 a 3000 euro. Dopo aver girato invano tutti gli uffici della FIGC, il quartier generale della FIFA, incontrando persino il Presidente Blatter (nemmeno lui scampato alle nostre richieste) e la sede di Berlino di Casa Azzurri, la disperazione stava prendendo il sopravvento. Non restava che tentare l’ultima carta. Rintracciamo così, a mezzo di amici comuni, telefonicamente Silvano Cotti, fisioterapista dell’Italia e lui, subito ci dice che è praticamente impossibile avere biglietti, anche pagandoli. Mentre parlo a telefono con lui, ecco l’ennesimo colpo di fortuna (Il Cuore del Central colpisce ancora!). Sento la voce di Fabio Cannavaro, e subito chiedo di parlare con lui.

Silvano è fantastico e me lo passa, l’emozione è alle stelle, ma sono convinto di fare breccia con le mie richieste. Innanzitutto, mi presento ricordandogli dell’incontro ad Amsterdam e del “cuore d’argento” che gli regalai, poi gli parlo del camper, del bandierone tricolore di 200 mq. e di questo “cuore portafortuna” che li aveva accompagnati per tutto il mese fino alla finale. Il capitano, riconoscendoci nei ragazzi di Sorrento, non ha potuto e voluto assolutamente rischiare di “perdere” la finale, (scaramanzia napoletana) e così ci ha regalato due biglietti…incredibile!!! Quando siamo andati in albergo a ritirarli, potete immaginare il nostro stato d’animo. Decine di tifosi che ci strattonavano per  entrare con noi e le TV che ci riprendevano…tutto incredibilmente impensabile solo un mese prima! Avere avuto, poi, proprio  dal nostro capitano, futuro Campione del Mondo, la “penna” per  scrivere una pagina della nostra storia mondiale è a  tutt’oggi  una delle gioie mai provate da uno sportivo a 360° come me.  Dopo aver rinunciato a diverse offerte molto…molto allettanti per quei tagliandi tanto desiderati,  eccoci  pronti all’evento sognato da una vita! La storia continua …l’ultimo pezzo di “muro” allo “Stadio Olimpico di Berlino” era pronto a cadere spinto dall’amore delle nostre mille pulsazioni e dall’inesauribile energia del “Cuore Central” proiettato in chissà  quali altre future avventure …

Ernesto Lupacchio Club Manager Central Fitness Club