Believe! Credere a…

Scritto in Palestra | 15 marzo 2012

Ti piacerebbe migliorare la qualità della tua vita e vivere con più amore, passione, gioia, entusiasmo, benessere e salute?
Questo è uno degli obiettivi che consiglio di perseguire a tutti, compreso le mie figlie; ed è appunto per questo che accompagnerò loro e chi vorrà aggiungersi, il 25 marzo a Roma, a seguire un corso che io ho già frequentato: il Believe: Credere a…
Il Believe aiuta a superare i nostri limiti, imparando a gestire gli stati d’animo, a controllare le emozioni negative, come l’ansia, la paura, l’insicurezza, il nervosismo, la rabbia, etc., liberando quelle positive, come l’amore, la passione, il divertimento, la vitalità; ed inoltre aiuta a  vincere le paure e permette di giungere, così, a nuovi livelli di energia fisica e mentale.
Durante il corso, si potrà verificare, in prima persona, il potere della mente, superando quegli ostacoli e quelle insicurezze che, spesso frenano le proprie azioni, fino a vivere un’esperienza di potere personale indimenticabile: Il “Firewalking”.
Come detto in precedenza, ho vissuto già questa situazione, addirittura per due volte, e vi confesso che “camminare sui carboni ardenti” è stata un’esperienza fantastica, che consiglio vivamente. Si passa da uno stato di… come dire… Paura? Ansia? Preoccupazione? ad una condizione di completo controllo del proprio corpo fisico e mentale, avvertendo una scarica energetica incredibile, ed alla fine, superata la prova, ci si ritrova in uno stato di euforia e soddisfazione senza pari. In poche parole: E’ Bellissimo!!!
Il corso dura un’intera giornata ed è tenuto dal “Life Coach” n.1 in Italia, Roberto Re. Sarà possibile, partecipando, apprezzare da vicino, le sue straordinarie qualità e l’impareggiabile carica energetica che riesce a trasmettere.
Proprio Roberto Re, scrive nei suoi libri ed afferma nei suoi corsi che…
“Uno degli esercizi più intensi per spezzare i vecchi schemi di pensiero è proprio il “Firewalking”. Camminare sul fuoco non è magia e nemmeno forza fisica. E’ convinzione, è forza mentale. E’ un’esperienza fortissima, un rito iniziatico che cambia il modo di pensare delle persone, diventa un riferimento indelebile quanto poi ci si trova ad affrontare i propri limiti nella vita e le proprie paure e ci fa capire quanto potere abbiamo sulla nostra mente e sul nostro corpo.
Nel Believe, Roberto ci spiega cos’è una credenza.
Una credenza non è nient’altro che una sensazione di certezza riguardo a qualcosa.
Rappresenta la nostra convinzione su noi stessi e su come va la vita e il mondo. Le credenze sono così importanti poiché influenzano le nostre emozioni, le nostre azioni e addirittura il nostro fisico.
Sono potenzianti, quando ci aiutano ad esprimere il meglio di noi, quando ad esempio crediamo di avere buona volontà e confidiamo nelle nostre doti. Ma alcune sono terribilmente depotenzianti ed inutilmente limitanti, come quando siamo certi di essere negati per qualcosa e vincerle richiede infrangere uno stato che seppure nocivo ci è noto, comodo, sicuro. A volte sono legate ad esperienze passate negative, a volte a commenti e a giudizi di altri, specie dei nostri genitori, a volte sono convinzioni che abbiamo, senza nemmeno sapere perché.
Possiamo decidere di rimanere incatenati nelle nostre credenze, lasciando che sia la nostra mente a controllarci oppure possiamo scegliere di essere liberi dalla “prigionia del destino”, assumendoci le nostre responsabilità, acquistando consapevolezza e potere sulla nostra mente e sulla nostra vita, sfidando perfino leggi che pensiamo immutabili e infrangendo i nostri limiti.
Spesso ciò che separa un fallimento da un successo è solo una credenza da vincere.
Tutti gli uomini di successo non si sono mai posti limiti.
Qualche secolo fa era utopia il fatto che l’uomo potesse volare o che potesse camminare sulla luna o che due amici potessero parlarsi da un capo all’altro del mondo guardandosi in faccia.
Roberto Re continua dicendo: In un articolo di recente pubblicazione Jim Donovan, speaker e autore di molti libri sulla crescita personale, racconta di aver avuto un’interessante lezione dagli elefanti.
Jim ebbe l’occasione di visitare un circo, dove rimase particolarmente colpito da un gruppo di elefanti legati da una corda. Egli chiese ad un istruttore perché mai quelle enormi creature, pur avendo la possibilità di fuggire e liberarsi dalla corda, se ne stessero tranquilli.
L’istruttore rispose: “Quando erano molto giovani e più piccoli utilizzavano la stessa corda per legarli. Quando sono cresciuti sono stati condizionati all’idea di non poter fuggire, da credere che quella corda possa ancora trattenerli a tal punto che non hanno mai tentato di liberarsi”.
Ebbene, non è vero che una cosa simile accade anche agli uomini? “Quanti di noi, al pari di questi elefanti, continuano a credere di non poter fare qualcosa semplicemente perché non ci sono riusciti una volta? Quante persone sono trattenute da vecchie credenze che non servono  più? Quanti vivono nella convinzione di non meritare di essere amati, perché da piccoli nessuno ha dato loro l’amore di cui ogni bambino ed ogni essere vivente ha bisogno? Quanti si arrendono all’idea di essere dei falliti solo perché hanno vissuto l’esperienza del fallimento? Quanti rinunciano a realizzare i propri sogni, facendosi travolgere dalle paure di parenti ed amici?
Spesso le persone non fanno nulla per migliorare la qualità della propria vita, perché sono trattenute dalle loro convinzioni limitanti.
Così come gli elefanti potrebbero spezzare le corde che li legano, se solo si accorgessero di non essere più dei cuccioli, di essere più grandi e più forti, allo stesso modo, anche noi possiamo liberarci dalle credenze depotenzianti, solo se ci conosciamo meglio, se siamo consapevoli di quanto valiamo, se accogliamo l’idea che le cose non stanno sempre nello stesso modo, ma possono cambiare e che sta a noi decidere se subire o essere protagonisti del cambiamento”.
Allora…Quali sono le credenze limitanti che ti impediscono di realizzare ciò che desideri?
Cosa puoi fare per spezzare quella corda?
Scoprilo con noi e partecipa a “Believe”.

Ernesto Lupacchio (Central Fitness Club Manager – Fonte 100% Fitness di marzo 2012)

Se vuoi maggiori informazioni, non esitare a contattarmi: Ernesto 347.67.67.533
“Ci sono due tipi di persone che ti diranno che non puoi rappresentare la differenza nel mondo: Quelle che hanno paura di tentare e quelle che hanno paura che tu ce la faccia”. (Ray Goforth)